logo

Restiamo aperti – #RadioConcreta

di Roberto Gennari

 

Anche stavolta siamo giunti rapidissimamente alla fine del viaggio insieme a #RadioConcreta. E ripercorrendo il viaggio musicale che abbiamo intrapreso, c’è una cosa molto importante che mi va di sottolineare: la settimana si è aperta con una canzone che parla di tolleranza, e si chiude con un’altra che affronta lo stesso tema. Uno dei messaggi più potenti che ci manda la musica, da sempre e per sempre, è proprio questo: restiamo aperti. Aperti con i sensi pronti a recepire quello che di bello può entrare dentro di noi, con la mente in grado di recepire i messaggi che arrivano dall’esterno, interiorizzarli, crescere. 

Restiamo aperti come risposta ad un mondo che ci vuole sempre più chiusi. Isolati. Facilmente controllabili e ancor più facilmente terrorizzabili.
Restiamo aperti come forma di risposta alla paura.
Restiamo aperti come forma di ribellione.
Restiamo aperti per chi c’è stato prima, per chi cammina con noi e per chi verrà dopo.
 
Buon viaggio a tutti.
 

#Dj Rob

 
 

Domenica 04 giugno

Si chiude con questa canzone la mia settimana a #RadioConcreta. E non è un caso:  siamo partiti con una canzone che sottolineava come la diversità sia un concetto molto più sfumato di quanto non lo si percepisca di solito, e chiudiamo con un altro pezzo che affronta lo stesso tema. Una canzone che ha compiuto da pochi giorni i 20 anni (è stata pubblicata su disco il 24 maggio 1997), ma che è ancora di un’attualità sconcertante. #Subsonica – #PresoBlu “Disordine interiore ma ordine del paese, prigioni, tribunali cellulari o forse chiese? Paura della morte, paura della vita, paura che la vita sfuggendo tra le dita, paura che diversa sarebbe anche possibile, paura del diverso, paura del possibile…” un saluto e un abbraccio da #DJRob
 
 

 
 
 
Buona domenica #RadioConcreta. Ho una riflessione odierna che vorrei condividere con voi: a volte, un artista viene identificato in modo pressoché univoco con una sola canzone, e questo è un peccato, perché magari nella sua discografia ci sono altre gemme che rimangono nascoste, aspettando solo di essere scoperte. Questo è ad esempio il caso di #DamienRice che in tantissimi conoscono solo per la (meravigliosa) “The Blower’s Daughter”, e che invece ci ha regalato anche questa meravigliosa #GreyRoom. “But I’ve still got me to be your open door, I’ve still got me to be your sandy shore, I’ve still got me to cross your bridge in this storm, And I’ve still got me to keep me warm. Warmer than warm, yeah.” #DJRob
 
 

 
 
 

 
 

Sabato 03 giugno

#Buonasera e buon sabato ribelle a tutti noi di #RadioConcreta, ricordiamoci di non smettere mai di fare quanto ci suggeriscono i #PublicEnemy! #DJRob #FightThePower “Nothing but rednecks for 400 years if you check, Don’t worry be happy was a number one jam, damn if I say it you can slap me right here!”
 
 

 
 
 

#Buongiorno e buon sabato a tutti noi di #RadioConcreta Stamattina la canzone selezionata è una delle icone di quello che è stato uno dei generi più in voga negli anni 90, il Brit-Pop. Mentre tra tutti i miei più o meno coetanei, all’alba di Internet, impazzava la discussione Blur vs. Oasis, c’era chi sceglieva una “terza via”: suoni raffinati, arrangiamenti curati, testi poetici. “I’m in a wide open space, I’m staring, there’s something quite bizarre I cannot see.” #Mansun#WideOpenSpace
 
 

 
 
 

Venerdì 02 giugno

 #Buonasera #RadioConcreta, per salutarci oggi la scelta è caduta su un pezzo famosissimo, #Polly dei #Nirvana. La parabola di Kurt Cobain mi stringe il cuore ancora oggi che sono passati 23 anni dalla sua scomparsa: la sua lettera “To Boddah” è una delle cose più struggenti che mi è capitato di leggere. E la consacrazione del suo percorso musicale è avvenuta proprio durante questa esibizione live “unplugged in NY”, quando le loro canzoni sono state suonate in arrangiamenti acustici ed estremamente intimistici: se prima qualcuno poteva pensare che Cobain fosse solo uno che sapeva suonare tre accordi e urlare dentro a un microfono, si è dovuto ricredere. “I promise you, I have been true, Let me take a ride, Don’t cut yourself, I want some help, To please myself.”
 
 

 
 
 

#Buongiorno e buona #FestaDellaRepubblica a tutti voi che seguite #RadioConcreta. Non so se conoscete il mito di Filemone e Bauci (se la risposta è no, potete trovare la storia su “Le Metamorfosi” di Ovidio) o se conoscete questa canzone. In entrambi i casi, bellezza e poesia come gocce di stelle che ci accarezzano il viso. #DJRob “La nostra grande tradizione repubblicana non mi ha insegnato ancora quando si possa perdonare / la nostra grande fede nei tramonti della ragione non mi ha saputo rendere migliore in tante piccole cose / la nostra grande voglia di lottare fino alla fine non ha rubato il buio che chiudiamo dietro le nostre persiane…” #AmorFou#FilemoneEBauci
 
 

 
 
 

Giovedì 01 giugno

Se mi chiedete qual è la più grande esibizione live che io ricordi, insieme a concerti superfamosi e supercelebrati tipo il Live at Wembley dei Queen, mi viene in mente questo, il Roseland NYC Live dei #Portishead, non a caso pubblicato anche su disco, da cui è tratta questa bellissima #Roads. Un concentrato di classe, stile, bravura e capacità interpretativa. #RadioConcreta #DJRob

 
 

 
 
 
#Buongiorno #RadioConcreta, stamattina ci diamo la sveglia con una di quelle canzoni che potremmo ascoltare anche 100 volte di fila, grazie alla voce avvolgente e ai suoni ipnotici di una delle migliori band degli ultimi anni. E nella semplicità di questo testo c’è l’essenza di tutto quello che è crescere ascoltando musica. #DJRob “All I need is love and music, love and music gets me by, all I need is love and music, love and music ’til I die.” #PianoMagic#LoveAndMusic
 
 

 
 
 

Mercoledì 31 maggio

Salve #RadioConcreta, stasera ci auguriamo buona serata con un pezzo della prima metà degli “anni zero”, quando abbiamo assistito ad un vero e proprio revival della new wave che andava di moda vent’anni prima, soprattutto grazie a band come loro. #Interpol#Takeyouonacruise “Along the way, tears drown in the wake of delight, there’s nothing like this built today, you’ll never see a finer ship in your life, we sail today…” #DJRob
 
 
 

 
 
 
Good morning #RadioConcreta! Stamattina per il risveglio ho scelto un pezzo di uno dei miei gruppi preferiti, un collettivo di artisti a tutto tondo, come dimostra anche l’altissimo livello di Visual Art di questo videoclip. #MassiveAttack #AtlasAir “My heart was big and like my pride, let them feast on my insides. And when the filled had spilled its guts, gently open then it shuts.” #DJRob
 
 

 
 
 

Martedì 30 maggio

Lo confesso candidamente: quando ho fatto la prima settimana con #RadioConcreta ho sperato di poterne fare un’altra principalmente per poter postare un pezzo tratto da #MellonCollieAndTheInfiniteSadness, un disco che adoro a tal punto che sto curando un’antologia di racconti ad esso ispirati, di cui sentirete spero parlare presto qui ( https://laschiumadeiblog.wordpress.com/…/un-ebook-tributo-…/ ). Avrei potuto metterne almeno 10, tratte da questo album, ma alla fine l’ha spuntata questo pezzo. #DJRob “We’ll crucify the unsincere tonight, tonight. Believe in me as I believe in you.” #SmashingPumpkins#TonightTonight
 
 

 
 
 

#Buongiorno #RadioConcreta, oggi per voi ho scelto un pezzo di una delle band italiane più controverse di questi ultimi anni: Capaci di performance live meravigliose e di altre orribili, con testi a volte incomprensibili, ma da ormai quasi vent’anni capaci di restare fedeli ad un loro percorso musicale fatto di ricerca ma sempre all’insegna del rock, con una voce intensa e profonda, come in questo pezzo tratto dal loro album più psichedelico, “solo un grande sasso”, uscito esattamente 10 anni prima che il vostro #DJRob diventasse padre. #Verdena#Onan
 
 

 
 
 

Lunedì  29 maggio

 #RadioConcreta Questa canzone a me fa venire in mente il rapporto tra un padre e un figlio, che è poi un rassicurarsi a vicenda, un gioco e una scoperta continui, ma alla fine, “when I wake up every single day, I just need to know that you’re sleeping by my side”. #DJRob #YuppieFlu #YellowHills
 
 
 

 
 
 

#Buongiorno a tutti! Lo scorso sabato, ad Arezzo, si è svolta la meravigliosa manifestazione del #ToscanaPride, una sfilata festosa in nome del diritto di amarsi, semplicemente. Come dice questa canzone, con cui prende il via la mia settimana a #RadioConcreta, “Padre Eterno che sei così reazionario, che dal finestrino atterrando guardi Venezia dall’alto, hai visto? Il loro non era un amore poi tanto diverso.” Buon inizio di settimana in nome dell’Amore da #DJRob #lelucidellacentraleelettrica #leragazzestannobene
 
 

 
 
 

 
 

ROBERTOGENNARI – #RadioConcreta – www.segniconcreti.org

 

Vai su ↑