logo

​Restiamo umani e resistenza – #RadioConcreta

Di Luca Baldassari
Sì chiude la mia settimana di radio concreta, non avendo parole mie per dare forza a concetti che dovrebbero essere patrimonio comune, come solidarietà, accoglienza, giustizia sociale e libera circolazione delle persone, mi affido a Warsan Shire una giovanissima poetessa britannica di origine somala.

 
 
 

CASA

Nessuno lascia la propria casa
a meno che casa sua non siano le mandibole di uno squalo
verso il confine ci corri solo
quando vedi tutta la città correre
i tuoi vicini che corrono più veloci di te
il fiato insanguinato nelle loro gole
il tuo ex-compagno di classe
che ti ha baciato fino a farti girare la testa dietro alla fabbrica di lattine
ora tiene nella mano una pistola più grande del suo corpo
lasci casa tua quando è proprio lei a non permetterti più di starci.
Nessuno lascia casa sua a meno che non sia proprio lei a scacciarlo
fuoco sotto ai piedi
sangue che ti bolle nella pancia
Non avresti mai pensato di farlo
fin quando la lama non ti marchia di minacce incandescenti
il collo
e nonostante tutto continui a portare l’inno nazionale
sotto il respiro
soltanto dopo aver strappato il passaporto nei bagni di un aeroporto
singhiozzando ad ogni boccone di carta
ti è risultato chiaro il fatto che non ci saresti più tornata.
Dovete capire
che nessuno mette i suoi figli su una barca
a meno che l’acqua non sia più sicura della terra
Nessuno va a bruciarsi i palmi
sotto ai treni
sotto i vagoni
nessuno passa giorni e notti nel ventre di un camion
nutrendosi di giornali a meno che le miglia percorse
non significhino più di un qualsiasi viaggio.
Nessuno striscia sotto ai recinti
nessuno vuole essere picchiato
commiserato
Nessuno se li sceglie i campi profughi
o le perquisizioni a nudo che ti lasciano
il corpo pieno di dolori
o il carcere,
perché il carcere è più sicuro
di una città che arde
e un secondino
nella notte
è meglio di un carico
di uomini che assomigliano a tuo padre
Nessuno ce la può fare
nessuno lo può sopportare
nessuna pelle può resistere a tanto

Il
Andatevene a casa neri
rifugiati
sporchi immigrati
richiedenti asilo
che prosciugano il nostro paese
negri con le mani aperte
hanno un odore strano
selvaggio
hanno distrutto il loro paese e ora vogliono
distruggere il nostro
Le parole
gli sguardi storti
come fai a scrollarteli di dosso?
Forse perché il colpo è meno duro
che un arto divelto
o le parole sono più tenere
che quattordici uomini tra
le cosce
o gli insulti sono più facili
da mandare giù
che le macerie
che le ossa
che il corpo di tuo figlio
fatto a pezzi.
A casa ci voglio tornare,
ma casa mia sono le mandibole di uno squalo
casa mia è la canna di un fucile
e a nessuno verrebbe di lasciare la propria casa
a meno che non sia stata lei a inseguirti fino all’ultima sponda
A meno che casa tua non ti abbia detto
affretta il passo
lasciati i panni dietro
striscia nel deserto
sguazza negli oceani
annega
salvati
fatti fame
chiedi l’elemosina
dimentica la tua dignità
la tua sopravvivenza è più importante
Nessuno lascia casa sua se non quando essa diventa una voce sudaticcia
Che ti mormora nell’orecchio
Vattene,
scappatene da me adesso
non so cosa io sia diventata
ma so che qualsiasi altro posto
è più sicuro che questo

 
 
 

Luca Baldassari

 
 
 

Domenica 24 Giugno

 E con questa un ultima canzone concludo la mia settimana a #RadioConcreta grazie a tutti ^__^ Let them all pass all their dirty remarks (One Love!); There is one question I’d really love to ask (One Heart!): Is there a place for the hopeless sinner, Who has hurt all mankind just to save his own beliefs? – One Love – Playing For Change #PlayingForChange #OneLove #RadioConcreta ‬#Buongiorno #BuenosDias #GoodMorning #SegniConcreti #Informabile

 
 

 
 
 

Sabato 23 Giugno

Pa’ una ciudad del norte Yo me fui a trabajar Mi vida la dejé Entre Ceuta y Gibraltar Soy una raya en el mar Fantasma en la ciudad Mi vida va prohibida Dice la autoridad – Pfc – Manu Chao – Clandestino

 
 

 
 
 

Venerdì 22 Giugno

Custodisci le vite, le visite cadute come foglie sul viale, fai da autunno per loro, da carezza, da abbraccio e bacio in fronte di madre e padre prima di partire. Erri De Luca – Mare Nostro -musiche Letti Sfatti

 
 

 
 
 

Giovedì 21 Giugno

Ed hai notato che l’uomo nero Semina anche nel mio cervello Quando piuttosto che aprire la porta La chiudo a chiave col chiavistello Quando ho temuto per la mia vita Seduto su un autobus di Milano Solo perché un ragazzino arabo Si è messo a pregare dicendo il corano. L’uomo nero – Brunori Sas

 
 

 
 
 

Mercoledì 20 Giugno

I came here to work And take up the rope Give contributuion In this land of hope I’ll bleed for your king I’ll die for your queen Give all and some more To your western dream Locked in the ghetto Waiting for news Standing on the corner With those immigration blues – Chris Rea – Immigration Blues

 
 

 
 
 

Martedì 19 Giugno

I am sitting on a dune and thinking about the hostility of life in the desert I am realizing the hard conditions of the life of my brothers – Tomara “Bombino” Moctar – Tenere (The Desert, My Home) #Bombino #Tenere #RadioConcreta#Buongiorno #BuenosDias #GoodMorning #SegniConcreti #Informabile
 
 

 
 
 

Lunedì 18 Giugno

ciao a tutti, inizia la mia settimana come dj di #RadioConcreta attallà nunn’e capito fattallà fattallà insieme a nuje nun ce può stà fattallà cho! manco pe’ nuje ce ne stà che ce ne fotte si te puzze ‘e fame si te morono ‘e ccriature si nun tiene manco ‘e panne chi tanto e chi niente e chi ‘o ttene no nun t’o vvò dà chi tanto e chi niente e nisciuno no nun t’o vvò da – Almamegretta

 
 

 
 
 

LUCA BALDASSARI – foto di Francesco di Zizola, L’esodo – #RadioConcreta – www.segniconcreti.org

 

Vai su ↑